Cinema: chi sono i veri “sdraiati”?

L’ultimo giorno di scuola prima delle vacanze natalizie, ha visto l’istituto G. Carducci di Roma prendere parte a una proiezione mattutina al cinema Lux di via Massaciuccoli.

La pellicola con tra gli altri Claudio Bisio nel ruolo del padre, Antonio Truppo in quello del figlio e Cochi Ponzoni in quello del nonno, è concentrata sul rapporto teso tra figli e genitori separati.

Tito vive un’adolescenza difficile tra un padre che pretenderebbe una vita tranquilla e scandita da un ritmo regolare e una madre assente.

Unico elemento di equilibrio è costituito dal nonno “Pinin” che cerca di assecondare le intemperanze giovanili, ma che ha costantemente il polso della situazione.

La storia si snocciola tra provocazioni, anticonformismi, anche estremi e un grande e passionale amore tra Tito e una sua compagna di scuola, la cui mamma era stata una vecchia fiamma di suo padre.

Quando improvvisamente Pinin passa a miglior vita, Tito e suo padre riescono a trovare e recuperare quel legame che non è solo di sangue, ma di insostituibili affetti e condivisioni.

A essere “sdraiati” come il titolo del film cita, non sono i giovani figli di famiglie non convenzionali, ma gli stessi genitori, i cui legami coniugali si sciolgono tra rancori e ricatti e che proprio la vita sopra le righe dei loro pargoli, li portano a prendere consapevolezza dei propri limiti e dei propri errori.

A. Baldinetti-E. Graziani (IV AF)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...